Caricamento...
Caricamento...

Progetto

VERSUS

Virtual-Reality Enhanced Rehabilitation for Sustainable and Usable Services

Operazione/Progetto finanziato dal POR FESR Toscana 2014-2020
Project co-financed from Tuscany POR FESR 2014-2020
Bando N. 2 – Progetti Strategici di Ricerca e Sviluppo delle MPMI

Il progetto di ricerca ha come obiettivo la realizzazione di una piattaforma tecnologicamente avanzata, denominata VERSUS, per la riabilitazione robot-assistita dell’arto superiore di pazienti post-ictus. In particolare l’obiettivo del progetto è garantire l’ottimizzazione e la continuità di cura ospedale-territorio del trattamento riabilitativo.
L’esigenza di sviluppare tale piattaforma si inquadra in un contesto in cui Regione Toscana ha avviato un percorso di revisione dei percorsi assistenziali per un’ottimizzazione supportata da tecnologie dell’Informazione. Il modello di management prevede il raggiungimento di una continuità assistenziale dalla fase di ospedalizzazione alla fase territoriale.

Il progetto di ricerca ha come obiettivo la realizzazione di una piattaforma tecnologicamente avanzata, denominata VERSUS, per la riabilitazione robot-assistita dell’arto superiore di pazienti post-ictus. In particolare l’obiettivo del progetto è garantire l’ottimizzazione e la continuità di cura ospedale-territorio del trattamento riabilitativo.
L’esigenza di sviluppare tale piattaforma si inquadra in un contesto in cui Regione Toscana ha avviato un percorso di revisione dei percorsi assistenziali per un’ottimizzazione supportata da tecnologie dell’Informazione. Il modello di management prevede il raggiungimento di una continuità assistenziale dalla fase di ospedalizzazione alla fase territoriale.

Data l’alta incidenza dell’ictus, che rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la terza causa di morte nei paesi industrializzati, e la prima causa di disabilità nell’anziano, il target di utenti della piattaforma VERSUS è rappresentato dai pazienti post-ictus in fase subacuta. In particolare la piattaforma proposta sarà composta da due setting: uno per la degenza ospedaliera di riabilitazione intensiva, uno per i servizi ambulatoriali. La piattaforma VERSUS sarà composta da:

  • Una piattaforma software di gestione del trattamento riabilitativo, che consentirà la gestione dal ricovero dalla fase di
    de-ospedalizzazione alla fase territoriale. La piattaforma consentirà al team clinico (medico fisiatra/neurologo, fisioterapista) di pianificare il protocollo riabilitativo più adatto alle funzioni residue del paziente ed agli obiettivi di recupero previsti nel programma riabilitativo;
  • Una piattaforma software di realtà virtuale per la riabilitazione robot-assistita caratterizzata da un sistema per la visualizzazione immersiva, con possibilità di uso anche in stereoscopia;
  • Sensori indossabili per monitoraggio del movimento , in termini di angoli articolari, velocità ed accelerazione, per valutare quantitativamente il recupero motorio mediante dati cinematici e intervalli articolari;
  • Dispositivi modulari, per la riabilitazione dell’arto superiore (e.g. spalla, avambraccio, polso) e moduli per la riabilitazione della mano (e.g. opposizione indice-pollice, opposizione indice-medio).

La progettazione e lo sviluppo di tale piattaforma avverrà attraverso quattro Obiettivi Operativi nei quali verrà effettuata: l’identificazione dei requisiti funzionali e delle specifiche tecniche che caratterizzeranno la piattaforma (OO1), lo sviluppo e la validazione dei diversi moduli (OO2 e OO3), la sperimentazione clinica e l’ingegnerizzazione della piattaforma (OO4).

Data l’alta incidenza dell’ictus, che rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la terza causa di morte nei paesi industrializzati, e la prima causa di disabilità nell’anziano, il target di utenti della piattaforma VERSUS è rappresentato dai pazienti post-ictus in fase subacuta. In particolare la piattaforma proposta sarà composta da due setting: uno per la degenza ospedaliera di riabilitazione intensiva, uno per i servizi ambulatoriali. La piattaforma VERSUS sarà composta da:

  • Una piattaforma software di gestione del trattamento riabilitativo, che consentirà la gestione dal ricovero dalla fase di
    de-ospedalizzazione alla fase territoriale. La piattaforma consentirà al team clinico (medico fisiatra/neurologo, fisioterapista) di pianificare il protocollo riabilitativo più adatto alle funzioni residue del paziente ed agli obiettivi di recupero previsti nel programma riabilitativo;
  • Una piattaforma software di realtà virtuale per la riabilitazione robot-assistita caratterizzata da un sistema per la visualizzazione immersiva, con possibilità di uso anche in stereoscopia;
  • Sensori indossabili per monitoraggio del movimento , in termini di angoli articolari, velocità ed accelerazione, per valutare quantitativamente il recupero motorio mediante dati cinematici e intervalli articolari;
  • Dispositivi modulari, per la riabilitazione dell’arto superiore (e.g. spalla, avambraccio, polso) e moduli per la riabilitazione della mano (e.g. opposizione indice-pollice, opposizione indice-medio).

La progettazione e lo sviluppo di tale piattaforma avverrà attraverso quattro Obiettivi Operativi nei quali verrà effettuata: l’identificazione dei requisiti funzionali e delle specifiche tecniche che caratterizzeranno la piattaforma (OO1), lo sviluppo e la validazione dei diversi moduli (OO2 e OO3), la sperimentazione clinica e l’ingegnerizzazione della piattaforma (OO4).

Progetto

HES

Hand ExoSkeleton

POR CREO FESR 2014-2020 ASSE 1
Project co-financed from Tuscany POR CREO FESR 2014-2020
Bando A -SOSTEGNO A PROGETTI INNOVATIVI STRATEGICI O SPERIMENTALI

Mov’it start up fondata nel 2017 attiva nel mondo della riabilitazione robotica, ha deciso di acquisire i diritti per
lo sviluppo e la commercializzazione di un esoscheletro di mano inizialmente sviluppato dall’Università degli
studi di Firenze. Il progetto è stato recepito quando era allo stato prototipale ed era stato pensato con
dispositivo assistivo per pazienti affetti da sclerosi multipla; è stato quindi modificato da Mov’it per farne un
dispositivo aptico ad uso riabilitativo per pazienti con problemi neurologici. Si tratta di un dispositivo
innovativo, capace di esercitare 40N su ogni dito sia in apertura che in chiusura e agente secondo il paradigma
“assistance-as-needed”, ovvero aiutando il paziente solo se (e solo nella misura in cui) è necessario per
massimizzare il coinvolgimento del paziente e quindi i risultati della terapia.

Mov’it start up fondata nel 2017 attiva nel mondo della riabilitazione robotica, ha deciso di acquisire i diritti per
lo sviluppo e la commercializzazione di un esoscheletro di mano inizialmente sviluppato dall’Università degli
studi di Firenze. Il progetto è stato recepito quando era allo stato prototipale ed era stato pensato con
dispositivo assistivo per pazienti affetti da sclerosi multipla; è stato quindi modificato da Mov’it per farne un
dispositivo aptico ad uso riabilitativo per pazienti con problemi neurologici. Si tratta di un dispositivo
innovativo, capace di esercitare 40N su ogni dito sia in apertura che in chiusura e agente secondo il paradigma
“assistance-as-needed”, ovvero aiutando il paziente solo se (e solo nella misura in cui) è necessario per
massimizzare il coinvolgimento del paziente e quindi i risultati della terapia.

Il progetto HES prevede:

  1. Un ulteriore upgrade tecnico: Sviluppare un sensore ottico per il posizionamento assoluto (rispetto a un
    piano) utile a individuare le attività di reaching dell’utente e quindi sviluppare non solo esercizi ripetitivi, ma
    funzionali.
  2. L’ acquisizione di servizi legati al digital marketing and communication: attivare un piano di comunicazione
    per aumentare la visibilità del nascente prodotto e della start up
    La proposta di progetto è quindi mirata in maniera specifica all’innovazione radicale di un prodotto già esistente
    nel portafoglio prodotti Mov’it e si distingue per un contenuto tecnologico altamente innovativo per
    un’azienda che si pone alla frontiera della tecnologia riabilitativa. Mov’it intende perseguire un ulteriore
    vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti che si muovono nel settore della riabilitazione robotica dotando il
    dispositivo HES di nuove funzionalità (come ad esempio la identificazione della posizione della mano),
    implementando nuove attività per la commercializzazione riguardanti le relazioni con i distributori, il marketing
    digitale e la comunicazione aziendale.

Il progetto HES prevede:

  1. Un ulteriore upgrade tecnico: Sviluppare un sensore ottico per il posizionamento assoluto (rispetto a un
    piano) utile a individuare le attività di reaching dell’utente e quindi sviluppare non solo esercizi ripetitivi, ma
    funzionali.
  2. L’ acquisizione di servizi legati al digital marketing and communication: attivare un piano di comunicazione
    per aumentare la visibilità del nascente prodotto e della start up
    La proposta di progetto è quindi mirata in maniera specifica all’innovazione radicale di un prodotto già esistente
    nel portafoglio prodotti Mov’it e si distingue per un contenuto tecnologico altamente innovativo per
    un’azienda che si pone alla frontiera della tecnologia riabilitativa. Mov’it intende perseguire un ulteriore
    vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti che si muovono nel settore della riabilitazione robotica dotando il
    dispositivo HES di nuove funzionalità (come ad esempio la identificazione della posizione della mano),
    implementando nuove attività per la commercializzazione riguardanti le relazioni con i distributori, il marketing
    digitale e la comunicazione aziendale.